AUTO

Le procedure da seguire per una corretta gestione dei sinistri auto

Polizze di Responsabilita' Civile

  • segnalare immediatamente il danno al vostro referente Assiteca a mezzo posta o fax, (eventualmente preceduta da comunicazione telefonica o mail) indicando i seguenti dati essenziali:
    - giorno, ora e località dell’incidente
    - riferimento alla polizza, all’automezzo ed al conducente interessati
    - dati relativi alla Controparte: identificazione veicolo, conducente e sua patente, estremi di assicurazione
    - breve descrizione dell’evento
    - specifica dei danni a persone o cose sia dell’interessato sia di Terzi
    - identificazione eventuali testimoni o Autorità intervenute
Una corretta compilazione del modulo CAI, (anche se il danno non rientrasse nel suo ambito di validità), sottoscritto dalle Parti, può essere sostitutivo od integrativo di quanto sopra e comunque può abbreviare l’iter procedurale di liquidazione.
Assiteca aprirà la pratica di sinistro; a seconda che il danno sia attivo o passivo, la prassi sarà la seguente:

a) I sinistri attivi

Nel caso di danni subiti per coinvolgimento in un incidente con veicoli di Terzi la cui responsabilità sia attribuibile ai Terzi stessi, Assiteca al ricevimento della denuncia, trasmetterà il sinistro, per la sua gestione, a un Legale di propria fiducia, il quale provvederà, a termine di legge, a porre in mora il civilmente responsabile, dandone informazione al cliente.
Lo Studio Legale in seguito, previo accordo, esperirà tutte le pratiche necessarie al recupero del danno, richiedendo di volta in volta tutta la documentazione necessaria.
Alla definizione del danno si riceverà dallo Studio Legale l’atto di quietanza da sottoscrivere e da restituire.

b) I sinistri passivi

Nel caso di danni provocati con propria responsabilità a Terzi da veicoli di proprietà o in uso, si trasmetteranno ad Assiteca tutte le eventuali richieste della Controparte o di chi ne cura gli interessi, senza prendere con esso diretto contatto.
Al ricevimento Assiteca trasmetterà la documentazione alla Compagnia la quale si attiverà per la tacitazione delle pretese di Controparte.

Polizze furto e incendio

  • segnalare immediatamente il danno al vostro referente Assiteca a mezzo posta o fax, (eventualmente preceduta da comunicazione telefonica o mail) indicando i seguenti dati essenziali:
    - data del sinistro
    - luogo dell’accadimento
    - breve nota su cause e modalità
    - entità approssimativa presunta del danno
    - riferimento a polizza interessata
  • presentare immediata denuncia alle Autorità giudiziarie o di Polizia del luogo. E’ consigliabile formulare la stessa in modo generico e con riserva di ulteriori successive precisazioni.
Si accerterà congiuntamente ad Assiteca che il danno denunciato sia coperto dalle Condizioni di Polizza.
Assiteca aprirà la pratica di sinistro, segnalerà il danno alla Compagnia, interesserà la stessa alla nomina del Perito e alla eventuale autorizzazione ai primi interventi richiesti.

Successivamente

  • In caso di furto totale, trascorsi 40 giorni dalla data dell’evento senza che si sia verificato il ritrovamento del mezzo, si appronterà la seguente documentazione da inviare ad Assiteca: estratto cronologico con annotazione della perdita di possesso, da richiedere presso il Pubblico Registro Automobilistico foglio complementare con annotazione di perdita di possesso da richiedere al P.R.A. se richiesto dalla Compagnia, certificato di chiusura istruttoria da richiedere presso la Cancelleria della Pretura competente se richiesta dalla Compagnia, procura a vendere a favore della Compagnia stessa
  • In caso di furto parziale si dovrà comunicare ad Assiteca la località ove l’auto interessata sarà lasciata a disposizione per la visita peritale.
    In caso di mancata tempestiva effettuazione della perizia da parte degli incaricati della Compagnia, si terranno a disposizione le tracce e gli avanzi del sinistro e si procederà alle riparazioni e al riacquisto dei beni sottratti, inviando ad Assiteca le fatture analitiche delle spese sostenute e le fotografie dei danni subiti, trattenendo a disposizione gli eventuali pezzi sostituiti
  • In caso di furto con il ritrovamento del mezzo si invierà immediatamente ad Assiteca il verbale di ritrovamento nel quale bisognerà indicare in dettaglio i danni constatati, riservandosi per ulteriori verifiche ed accertamenti di danni occulti.
  • In caso di incendio si invierà ad Assiteca la quantificazione dei danni subiti documentata a mezzo fatture analitiche, fotografie dei danni, certificato di chiusura istruttoria (se richiesto) da richiedere presso la Cancelleria della Pretura competente, nonché (nei soli casi di perdita totale del veicolo) la già indicata documentazione P.R.A. attestante la perdita di possesso.
Al ricevimento della documentazione di cui sopra, Assiteca ritrasmetterà la stessa alla Compagnia, prendendo contatto con il Perito liquidatore ed interessandosi per la definizione del danno.
La Compagnia o il Perito invieranno ad Assiteca l’atto di liquidazione. Congiuntamente se ne controllerà la corrispondenza con le richieste avanzate.
Nel caso di accettazione dell’importo si sottoscriverà l’atto e lo si invierà alla Compagnia, in caso di disaccordo Assiteca si interesserà per la definizione al meglio della pratica.