FURTO E RAPINA

Le procedure da seguire per una corretta gestione dei sinistri furto e rapina

  • segnalare immediatamente il danno al vostro referente Assiteca a mezzo posta o fax, (eventualmente preceduta da comunicazione telefonica o mail) indicando i seguenti dati essenziali:
    - giorno e ora del sinistro
    - sommaria descrizione dell’evento
    - riferimento alle polizze interessate
    - località, locali ed enti colpiti
    - entità presunta del danno
  • adoperarsi immediatamente, nel modo più efficace, per il recupero delle cose rubate e per la conservazione e la custodia di quelle rimaste o danneggiate
  • conservare fino ad avvenuta liquidazione del danno le tracce e gli indizi materiali del reato. I lavori di ripristino ai locali o alle cose danneggiate saranno avviati per quanto indispensabile
  • presentare immediata denuncia alle Autorità Giudiziarie o di Polizia del luogo. E’ consigliabile formulare la stessa in modo generico e con riserva di ulteriori successive precisazioni.
Assiteca accerterà che il danno denunciato sia coperto dalle Condizioni di Polizza.
Assiteca aprirà la pratica di sinistro, segnalerà il danno alla Compagnia, interesserà la stessa alla nomina del Perito e alla eventuale autorizzazione ai primi interventi richiesti ed ancora affiancherà il Cliente in tutte le esigenze del caso.
Al momento dell’incontro con il Perito incaricato si dovrà predisporre la documentazione che segue, se l’entità del danno lo consiglia:
  • fotografie del danno, se rilevanti
  • primo elenco informativo dei beni sottratti o danneggiati
  • prima valutazione di massima per gli enti interessati dal sinistro, successivamente seguita dagli eventuali preventivi di spesa
  • fotocopie delle polizze interessate e delle eventuali appendici
  • dettaglio dei beni di Terzi eventualmente interessati dal sinistro
  • copia delle denunce alle Pubbliche Autorità
  • qualora fra i beni sottratti vi siano titoli di credito (assegni circolari, di conto corrente, vaglia postali od altri) nel minor tempo possibile è necessario denunciare il furto agli emittenti dei titoli facendo opposizione al pagamento; si dovrà inoltre esperire, se la legge lo prevede, la procedura di ammortamento.
Al momento della definizione di danno occorrerà predisporre eventuale altra documentazione richiesta dal Perito e presentare il consuntivo di danno documentato a mezzo di:
  • fatture d’acquisto od ogni altro documento equipollente dimostrante quantità, qualità e valore dei beni oggetto di danno
  • preventivi e/o consuntivi in fattura di tutte le forniture o prestazioni ricevute da Terzi per il ripristino dopo il sinistro di locali o di beni danneggiati
  • bolle interne di magazzino per i materiali prelevati internamente
  • documentazione interna relativa all’impiego di manodopera aziendale
Copia di tale documentazione dovrà essere inviata ad Assiteca.
Al momento del ricevimento del progetto di liquidazione inviato dal Perito, con l’ausilio di Assiteca si provvederà a controllarne la corrispondenza con le richieste di risarcimento avanzate.
In caso di accettazione della liquidazione l’atto sarà ritornato firmato al Perito stesso; in caso negativo verranno formulate le debite eccezioni fino al conseguimento della liquidazione definitiva.
Copia dell’atto sottoscritto verrà inviata ad Assiteca che si interesserà per il recupero degli importi presso la Compagnia delegataria o le Compagnie di riparto..